La coppola arriva in Sicilia tra la fine del 1800 e i primi del 1900, quando un discreto numero di famiglie nobili inglesi stabilì sull’isola la base dei propri commerci. Fu così che il berretto piatto anglosassone, il cosiddetto “cap”, accessorio nobile e sinonimo di eleganza, venne adottato per emulazione dal popolo siciliano diventando un accessorio fashion immancabile.

Si trasformò, di fatti, in un vero e proprio strumento di affermazione sociale e il suo utilizzo raggiunse l’apice contestualmente alla diffusione delle automobili decappottabili. La sua forma la rese perfetta per ripararsi dal sole e dalle pioggia.

Ben presto, tuttavia, questo particolare modello di copricapo è diventato il segno distintivo del ceto medio-basso e, in un secondo momento, l’accessorio identificativo dello stereotipo siciliano, sovente associato ad una cultura grezza e tradizionalista. É per merito della moda italiana e d’oltralpe che si è assistito ad una rivalutazione della coppola siciliana, oggi considerato un accessorio raffinato da esibire nelle più varie occasioni, tocco casual da abbinare a vestiti colorati che richiamano lo stile vintage. Gli stilisti Dolce & Gabbana, ad esempio, hanno inserito questo copricapo nelle loro collezioni, innalzandolo ad icona internazionale della moda italiana. Dalle passerelle al cinema, passando per il mondo dello star system, la coppola ha conquistato pian piano sempre più estimatori diventando un accessorio amato anche dalle donne che lo utilizzano per donare ai loro outfit un tocco originale.

Se desiderate anche voi personalizzare il vostro look con una coppola artigianale, visitate lo showroom La Coppola. al civico 14 di via Di Stefano a Palermo.